Offline

ATTREZZATURE PER PANIFICIO

Attrezzature per panificio

Tutte le fasi della produzione del pane si basano su procedure standard, tanto nel caso di una produzione di tipo industriale quanto nel caso di una produzione di tipo artigianale: in tutte le circostanze, c'è bisogno di specifiche attrezzature per panificio, macchine per panifici, nonchè di utensili per panifici ad hoc per poter svolgere tutte le fasi di lavorazione del pane. La Ristodesk propone un vasto catalogo di attrezzatura panetteria adatto per ogni esigenza di lavoro. Visita il sito e scopri di più!

L'impastamento: lievito madre e fermentazione 

Preparazione del pane: si comincia dalla creazione dell'impasto, la cui qualità è direttamente correlata alla selezione delle materie prime e, quindi, agli ingredienti che vengono impiegati: l'acqua, per esempio, deve essere purificata tramite il ricorso a un debatterizzatore, la farina, invece, opportunamente passata in un setaccio per farina elettrico. La temperatura dell'impasto deve essere sempre tenuta sotto controllo, visto che non può mai scendere sotto i 22 gradi né superare i 26 gradi, e a questo scopo ci si può servire di uno specifico refrigeratore acqua. 

Dai prodotti, opportunamente amalgamati nell'impastatrice, si otterrà un impasto che subirà un primo processo di lievitazione, nel quale si verificheranno reazioni chimiche: il lievito trasforma il glucosio presente nell'impasto in alcool etilico anidride carbonica. Quest'ultima, poichè trattenuta nel reticolo formato dal glutine che le impedisce di fuoriuscire, causa l'aumento di volume dell'impasto.

La sezionatura dell'impasto

La spezzatrice serve a fare in modo che l'impasto sia suddiviso in panetti che devono avere un peso ben preciso. Lo stesso compito può essere eseguito anche dalla spezzatrice arrotondatrice con la quale l'impasto viene spezzato e arrotondato in palline per poi essere trasformate in qualsiasi forma di pane: dai grissini alle ciabatte, dalle basi per le focacce agli zoccoletti.

La lievitazione e fermalievitazione dell'impasto

L'impasto, dopo che è stato trasformato in panetti con la forma e pezzatura desiderata, può essere mantenuto al freddo all'interno di una cella di conservazione, che ha il compito di bloccare il processo di lievitazione, in modo da poter pianificare i tempi di lavorazione in base alle proprie esigenze.

La formatura del pane

Dopo opportuna lievitazione, l'impasto può essere trasformato in forme tipiche in relazione alle abitudini locali. Pertanto, possono essere impiegate per la formatura del pane diverse macchine: formatrice panefilonatrice, cilindro per panegrissinatrice. Successivamente, il pane appena formato avrà un breve ed ulteriore periodo di lievitazione.

La cottura del pane

Infine, arriva il momento della cottura del pane che può essere realizzata in un forno a tunnel, in un forno rotativo o in un forno con camera refrattaria. Oltre ai forni e attrezzature per panifici indispensabili all'arte bianca, non può mancare tra gli attrezzi per panificio ibollitore per taralli ideale per la cottura specifica dei taralli.

Lavorazione del pane cotto

A corredo per un panificio professionale o qualsiasi altra attività di alimentari, trovano largo uso le macchine per il taglio del pane a fette: tagliafrese e macchina tagliapaneQuest'ultime ideali per tagliare baguette, filoni e panini, e possono essere manuali, semiautomatiche, automatiche e self-service. Per la lavorazione del pane grattugiato, invece, viene utilizzato il grattugia pane, macchina appunto che macina pane secco riducendolo in opportune granulometrie desiderate.